Neve analogica

Scatti pomeridiani sul Lago di Annone, imbiancato dalla prima nevicata.

In previsione della neve, ieri sera, ho caricato una Kentmere 400 nella piccola Olympus XA, ma non pensavo di doverla usare con una sola mano! D’altronde nevicava e nell’altra avevo l’ombrello, così, mi sono trovato a regolare la MAF con il pollice, proprio come indicava il manuale d’uso del piccolo “ovetto” nato dal genio dell’ingegner Maitani.

Come se non bastasse poi, la macchina si è bloccata al ventiquattresimo fotogramma (poco male, il rullino era da 24 pose…); meno male che una volta tornato a casa, la macchina è tornata a funzionare… Probabilmente soffre il freddo: sarà l’età!

Per rispettare la regola che con la neve bisogna sovraesporre di 1 stop, ho esposto la pellicola a 200 iso sviluppandola come una normale 400 e, a vedere il risultato, penso di aver fatto proprio bene.

Olympus XA & Kentmere 400 esposta a 200 iso. Sviluppo con Lab-Box in rotazione continua e Bellini Hydrofen (1+15) per 4′ – Stop 1′ – Fix 10′. Solita scansione Epson V600 e successiva riduzione file in Lightroom senza post.

La Natura imbiancata è bella anche in bianco e nero…

2 risposte a “Neve analogica”

  1. Avatar aeriavirtus19715312
    aeriavirtus19715312

    Immagini suggestive… Il bianco e nero è la migliore forma per far risaltare i particolari. Bel lavoro, complimenti.

    Piace a 1 persona

    1. Grazie mille! È vero, il bianco e nero rende…

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: